< indietro

A tutto pixel - Nea Polis 27/12/07 ( < guarda la trasmissione )

di Anna Teresa Damiano

Scatti molto ma molto avanzati, scatti di ultima generazione, targati giappone ma anche made in italy, dalle camere digitali alla filiera colore che passa per photoshop fino alla stampa.

L'ultima nata in casa nikon, la d3, ha un sensore c-moss da 12,1 megapixel, lavora in condizioni anche di poca luce in tempi veloci, in ambienti chiusi senza flash come all'aperto. Particolarmente adatta per eventi sportivi come un motomondiale o la formula 1, ha un sensore per i dati colore del soggetto inquadrato che dunque viene inseguito e mai perso anche se un altro oggetto viene a passare davanti.

Si entra direttamente nel menu ritocco, senza infilare la scheda nel computer ,per virate di colore, ritaglio, correzioni di ombre e luci.

La Silvestri, unica ditta italiana costruttrice rimasta sul mercato, punta sulla Flexicam, la macchina che ha vinto il premio vespucci al festival della creativita' di Firenze. Usata soprattutto quando servono correzioni prospettiche, dunque per foto di architettura, e paesaggi, funziona con un dorso digitale ad alta risoluzione, ha un sistema di controllo elettronico che gestisce funzioni molto estese , dalla selezione dei tempi di scatto alle panoramiche.

Ultima fase, il trattamento immagine su schermo grafico attraverso photoshop e la stampa sulla periferica.