Filtri Rodenstock speciali per la fotografia digitale

<< torna al menu
Filtro Polarizzatore Circolare

In montatura rotante, questi filtri contengono una pellicola polarizzante finissima stretta tra due vetri di protezione. Questa pellicola trasmette la luce solo su un piano di polarizzazione. la luce normale è ridotta di circa la metà senza altri effetti visibili, più o meno come un filtro densità neutra 2x, perchè un componente (parallelo al piano di polarizzazione) passa attraverso il filtro e l'altro componente (perpendicolare al piano di polarizzazione) viene bloccato. Invece la luce polarizzata è sia trasmessa senza ostacoli, più o meno ridotta o addirittura respinta dal polarizzatore, a seconda dell'angolo di orientamento tra il piano di polarizzazione del polarizzatore e la direzione di vibrazione della luce incidente. La luce viene polarizzata quando la luce incidente inclinata viene riflessa da superfici senza conduttività elettrica come il vetro, la vernice o la plastica. Anche i riflessi sull'alluminio vengono polarizzati perchè l'alluminio forma uno strato di superfice non conduttiva di ossido d'alluminio quando è stato anodizzato per una migliore resistenza.
Ruotando il filtro polarizzatore nella sua montatura rotante davanti all'obiettivo è possibile controllare realmente l'intensità dei riflessi e la saturazione dei colori (per esempio nei paesaggi):

1. Se la direzione di trasmissione è parallela al piano di polarizzazione il riflesso apparirà due volte più brillante perchè la luce polarizzata riflessa è trasmessa in pieno mentre la luce rimanente è ridotta del 50%.
2. Se la direzione della vibrazione della luce polarizzata e la direzione di trasmissione del filtro polarizzatore sono perpendicolari, il riflesso è ridotto o addirittura eliminato. Ad un angolo di incidenza di circa 55° - 60° dal normale, questo effetto è più forte e l'eliminazione quasi completa. Questo angolo dipende dall'indice di rifrazione della superfice in base alla legge di Brewster. Con angoli più piccoli o più ampi la polarizzazione diminuisce.

Hanno una pellicola addizionale con effetto ottico dietro la pellicola polarizzante in modo da convertire la polarizzazione lineare in polarizzazione circolare che non interferisce con il metraggio AF e TTL. Questo è il motivo per cui i polarizzatori circolari sono i polarizzatori raccomandati per tutte le fotocamere reflex.


Correzione dei tempi e diaframmi per tipo di filtro
HR Digital Circular Polarizer 2× - 3× 1 - 1.5 f-stops

UV Blocking Filter


Questo filtro in vetro è stato progettato specificatamente per la fotografia digitale. Non ha effetto sui colori, trasmette la luce visibile senza creare interferenze mentre elimina la radiazione ultravioletta (UV). Per via della lunghezza d'onda corta, i raggi UV sono molto sparpagliati e sono molto intensi in condizione di foschia come radiazione diffusa. Siccome la maggior parte dei sensori delle fotocamere digitali sono anche un po' sensibili alle radiazioni ultraviolette (meno agli infrarossi, ma molto di più che il vstro occhio), reagiscono con un velo blu-viola o addirittura rosso., dando al cielo un aspetto più luminoso, riducendo il contrasto delle nuvole contro il cielo e rendendo le vedute in distanza più pallide. Mentre in condizioni normali l'assorbimento UV del vetro degli obiettivi multi-elemento è sufficente a prevenire la dominante violetto e la perdita di contrasto causati dalla debole radiazione UV, nelle zone di alta montagna o al mare, l'intensità della radiazione UV può essere così forte che i filtri UV diventano indispensabili. Con un filtro UV davanti all'obiettivo, specialmente i colori caldi come il giallo, arancio e rosso rimangono puri e le vedute in distanza diventano più limpide e nitide. A causa del netto taglio delle radiazioni sotto i 420 nm per gli UV, l'assorbimento nella gamma delle lunghezze d'onda visibili è quasi impercettibile, il bilanciamento dei colori rimane neutro e non c'è bisogno di allungare l'esposizione o di settare un diaframma più ampio. Ecco perchè il filtro UV può essere usato come una buona protezione dell'obiettivo, per esempio per gli schizzi di acqua salata, sabbia portata dal vento o impronte delle dita. Il vetro del filtro UV degli HR Digital è molto sottile ( solo 1,4mm) e questo permette di avere una cornice molto sottile che non crea vignettature nemmeno con gli obiettivi grandangolari. Il trattamento a sette strati assicura un'alta trasmissione ed eliminazione dei riflessi per fotografie eccezionali senza immagini fantasma e aloni. Uno strato addizionale di protezione da sporco e acqua mantiene la superfice del vetro pulita a lungo e rende la sua pulizia più semplice. La cornice del filtro in ottone previene i danni dovuti a usura meccanica grazie al suo coefficente molto basso di espansione termica.


Correzione dei tempi e diaframmi per tipo di filtro
HR Digital UV Blocking Filter 1× 0 f-stops

Filtro UV/IR


Questo filtro in vetro è praticamente neutrale come effetto sui colori. Trasmette la luce visibile senza interferenze come il filtro UV mentre taglia non solo la radiazione ultravioletta (UV) ma anche quella infrarosso (IR).
Per via della lunghezza d'onda corta, i raggi UV sono molto sparpagliati e sono molto intensi in condizione di foschia come radiazione diffusa. Siccome la maggior parte dei sensori delle fotocamere digitali sono anche un po' sensibili alle radiazioni ultraviolette (meno agli infrarossi, ma molto di più che il vostro occhio), reagiscono con un velo blu-viola o addirittura rosso, dando al cielo un aspetto più luminoso, riducendo il contrasto delle nuvole contro il cielo e rendendo le vedute in distanza più pallide. A differenze della fotografia analogica su pellicola, nella fotografia digitale anche la radiazione a onda lunga Infrarossa dall'altra parte dello spettro visibile può degradare la qualità dell'immagine. Questo è causato dalla sensibilità agli UV e (molto di più) agli IR dei sensori CCD e CMOS. Perciò un filtro che tagli gli IR viene usato come o in aggiunta a un vetro di protezione davanti al piano del sensore. In ogni caso, l'esperienza ha mostrato che la sua capacità di filtraggio non è sufficente quando l'intensità della radiazione IR è alta. Quindi questo causa uno slittamento dei colori, perdita di contrasto e sfocatura (perchè gli obiettivi normali non sono corretti per le aberrazioni della gamma IR). Quindi in situazioni critiche è consigliato l'aggiunta di un filtro UV/IR molto efficace davanti all'obiettivo.
I suoi effetti non possono essere simulati dalla manipolazione digitale dell'immagine. Il filtro Rodenstock UV/IR fornisce un taglio molto netto su entrambi i margini perchè è un filtro ad interferenza con trattamenti multipli dielettrici. Quindi non causa modificazioni del colore tranne un quasi impercettibile riduzione del viola e del rosso a onda molto lunga e perciò può essere usato come vetro di protezione permanente dell'obiettivo.


Correzione dei tempi e diaframmi per tipo di filtro
Filtro UV/IR 1× 0 f-stops


<< torna al menu
Copyright © 2002-2013 Silvestri srl - via della Gora 13/5 50025 Montespertoli, Firenze, Italia - Codice Fiscale e Partita IVA: 04933100481